Venezia, Biennale Architettura #2

Venezia, Biennale Architettura. Il mondo sta lanciando nuove sfide all’architettura. Venezia ospita la 17ema Mostra Internazionale di Architettura che si snoda in un percorso magnifico tra l’Arsenale e i Giardini di Biennale Architettura 2021. L’attesa esposizione rimane aperta al pubblico fino al 21 novembre, curata dall’architetto libanese Hashim Sarkis, e trasporta il visitatore in un viaggio sospeso tra presente e futuro.

In una Venezia che si prepara a ripartire, anche grazie a Biennale Architettura, e all’insegna del vivere insieme, come ricorda il titolo della mostra “How we will live togheter?” architetti, scienziati e ricercatori si interrogano sulla domanda chiave attorno alla quale si sviluppano i temi proposti dalla Biennale. Un laboratorio a impatto CO2 abitato da strane creature, installazioni ecologiche, riflessioni sullo stato dell’arte in tema di resilienza urbana in Italia e nel mondo. Ma anche ricerca e sperimentazione.

C’è chi ha riscostruito il profumo dell’ibisco di montagna, un albero da fiore che cresceva nelle isole Hawaii estinto a causa degli allevamenti di bestiame. E chi ripropone, in versione moderna, uno Yukimuro un antico metodo giapponese di stoccare la neve. Si può ammirare, tra l’altro, anche la sezione trasposta di una grotta in Kenya, le pietre di ossidiana appese al soffitto sembrano voler avvolgere lo spettatore. Tra le curiosità la casa giapponese di legno destinata alla demolizione e trasportata a Venezia per la mostra. Tuttavia non è nella sua forma originaria. Montata per il trasporto riappare in nuove configurazioni create da architetti e artigiani giapponesi.

Video realizzato durante l’inaugurazione di Biennale Architettura

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.